Università di Bergamo > Cerlis > Versione Italiana > Progetti > Identità e cultura nei linguaggi settoriali inglesi

Unità III - NAPOLI

 

DI MARTINO Gabriella

 

L'Unità di Ricerca di Napoli si propone di analizzare le modalità del discorso autopromozionale e le strategie pubblicitarie e di divulgazione delle proprie iniziative utilizzate dall'Unione Europea nei confronti del target di riferimento. In particolare si intende identificare le caratteristiche delle pratiche discorsive attraverso cui le istituzioni europee entrano in contatto diretto con i cittadini dell'Unione e analizzare l'uso della lingua inglese nelle sue diverse realizzazioni.

L'Unità di Ricerca si propone di identificare e raccogliere tipologie testuali e mediatiche legate alle tematiche delle politiche sociali, della formazione, dell'allargamento e della Costituzione europea. All'interno di ognuna delle aree tematiche selezionate saranno raccolte e catalogate sia le pagine web di informazione più generale per un target di riferimento più allargato, sia quelle progressivamente più specifiche rivolte ad un pubblico sempre più ristretto e specializzato. Saranno altresì identificati ed archiviati i materiali (manuali, opuscoli, manifesti e locandine, documenti e pubblicazioni esplicative e/o informative, spot pubblicitari, video, etc.) contenuti nel sito "EUROPA" o reperibili presso i centri di informazione dell'Unione europea presenti sul territorio.

L'analisi, secondo un approccio che inglobi parametri linguistici, linguistico-statistici, semiotici, pragmatici e sociolinguistici, si propone di mettere in luce le modalità di divulgazione e promozione con riferimento sia al mezzo utilizzato (sito web, pubblicazioni tradizionali) che all'argomento trattato. In particolare l'Unità di Ricerca si propone di verificare come per il restringimento del target di riferimento le pratiche discorsive possano indurre ad un uso progressivamente più specialistico della lingua.

L'Unità di Ricerca è, quindi, impegnata nell'elaborazione di un modello critico che, sulla base dei dati raccolti, permetta una valutazione delle strategie utilizzate dall'Unione Europea per la divulgazione e l'autopromozione delle iniziative intraprese a favore dei cittadini. Tale modello di impronta semiotica e sociolinguistica prende in esame oltre all'aspetto informativo e pubblicitario anche i risvolti ideologici dell'autopromozione e le possibili sfumature semantico-pragmatiche legate alle specifiche identità.