Università di Bergamo > Cerlis > Versione Italiana > Progetti > Identità e cultura nei linguaggi settoriali inglesi

Unità V - MILANO

 

GARZONE Giuliana Elena

 

Il progetto dell'Unità di Ricerca di Milano intende esplorare l'uso della lingua inglese come codice predominante nei rapporti economici e commerciali internazionali nella modalità sia scritta sia orale, con l'obiettivo di individuare e studiare - all'interno di scambi comunicativi in certa misura standardizzati in quanto improntati a modelli e convenzioni tendenzialmente globali - gli elementi riconducibili all'identità dei soggetti coinvolti, con specifica attenzione agli aspetti linguistici, testuali e discorsivi.

In questo ambito, si sono individuate due diverse tipologie di testi che si ritiene utile sottoporre ad indagine:

- testi e documenti in lingua inglese generati nell'ambito di aziende che producono o commercializzano beni e/o servizi fortemente legati al territorio o all'identità culturale nazionale;

- pratiche testuali e discorsive e strategie linguistiche utilizzate nella comunicazione internazionale in lingua inglese da soggetti economici (imprese, cooperative, istituti finanziari) che scelgono di presentarsi con un'immagine culturalmente connotata al fine di affermare la propria identità particolare.

Dal punto di vista teorico, gli strumenti di analisi che si intende utilizzare faranno riferimento soprattutto alla pragmatica e all'analisi del discorso, in particolare alla Critical Discourse Analysis, oltre che alla retorica contrastiva e alla genre analysis. Tra gli aspetti indagati, speciale attenzione viene rivolta alle variazioni nella realizzazione dei vari generi testuali, con particolare riguardo per la configurazione, l'organizzazione testuale e retorica e le peculiarità stilistiche caratterizzanti dei testi; ai livelli inferiori della codificazione, si prendono in esame specificamente l'uso di strutture linguistiche ordinarie a fini pragmatici (per es. impiego delle proposizioni avverbiali, uso dei pronomi personali e del sistema della transitività) e la gestione del lessico e delle forme avverbiali per la trasmissione di elementi di tipo valutativo, cercando un'integrazione dei livelli micro-linguistici e quelli macro-linguistici di analisi.