Università di Bergamo > Cerlis > Versione Italiana > Progetti > Interculturalità e discorso nell’inglese settoriale

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

PROGRAMMI DI RICERCA SCIENTIFICA DI RILEVANTE INTERESSE NAZIONALE


PROGRAMMA DI RICERCA INTERUNIVERSITARIO

Anno 2002 - prot. 2002104353

 

Interculturalità e discorso nell’inglese settoriale

Intercultural discourse in domain-specific English

 

Coordinatore Scientifico del Programma di Ricerca:

Prof. Maurizio Gotti (Università degli Studi di Bergamo)

 

Unità di Ricerca e Responsabili Scientifici:

Università degli Studi di Bergamo, Prof. Maurizio Gotti

Università degli Studi di Milano, Prof. Giuliana Elena Garzone

Università degli Studi di Napoli, Prof. Gabriella Di Martino

Università degli Studi di Torino, Prof. Giuseppina Cortese

Università degli Studi di Verona, Prof. Roberta Facchinetti

Istituto Universitario Scienze Motorie di Roma, Prof. Paola Evangelisti Allori

   

Obiettivo del Programma di Ricerca

 

Il presente progetto muove da una definizione di interculturalità centrata sul discorso che sintetizza il pensiero di autori e studi recenti nell’ambito dell’interazione in settori specifici. La diffusione della lingua inglese facilita gli scambi e i contatti tra i popoli, ma pone anche in primo piano il problema della non-neutralità della lingua: a partire dall’unità frasale sino alla configurazione dei generi testuali, la costruzione linguistica è imago mundi culturalmente segnata.

La presente ricerca considera dunque il linguaggio come inseparabile da una specifica configurazione socioculturale: non soltanto congruente con questa, ma profondamente coinvolto nella costruzione stessa della realtà e delle sue rappresentazioni. Discorso e testo sono luoghi di costruzione delle culture, anche là dove esse sono deformate, emarginate, rimosse.

Al centro dell’indagine sarà la comunicazione interculturale, segnatamente la sua realizzazione nel linguaggio giuridico, economico-aziendale, scientifico, politico e delle istituzioni europee. Si intende esaminare le strategie attraverso le quali il discorso viene negoziato nei testi, ponendo al centro dell’indagine i cosiddetti linguaggi settoriali, ovvero pratiche sociali segnate al contempo dalla diversità culturale degli attori e da una forte necessità di comunicazione interculturale, che abbiano pregnante rilevanza sia per i settori di attività considerati, sia per la stessa lingua inglese, sottoposta a spinte diverse, talora forse contrapposte.

La prima fase del programma sarà finalizzata alla compilazione di corpora rappresentativi degli specifici settori di indagine identificati dalle singole unità di ricerca. Tali corpora saranno compilati a partire da fonti cartacee e/o da piattaforme elettroniche, o costituiti da registrazioni e videoregistrazioni.

Nella seconda fase di attuazione del programma ciascuna unità applicherà ai singoli corpora strumenti di analisi sia informatici sia manuali, per realizzare un’analisi a vari livelli compresi tra il micro e il macrotesto, secondo approcci che faranno uso della corpus linguistics (con l’interrogazione informatica del corpus) come pure di strumenti che provengono dalla retorica contrastiva, dalla linguistica testuale, dalla pragmatica, dall’analisi del discorso e dalla sociolinguistica.

In tutte le fasi del progetto le unità opereranno in stretto raccordo tra di loro, così da garantire uniformità nell’approccio metodologico della ricerca. I risultati in itinere e conclusivi saranno confrontati a livello nazionale in incontri di studio tra le unità di ricerca coinvolte, con la partecipazione di studiosi italiani e stranieri. E’ prevista, infine, la produzione di database su CD-ROM che saranno resi disponibili alla comunità scientifica e utilizzabili sia per ulteriori ricerche sia per uso didattico.

 

Risultati del progetto