Università di Bergamo > Cerlis > Versione Italiana > Progetti > Interculturalità e discorso nell’inglese settoriale

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

PROGRAMMI DI RICERCA SCIENTIFICA DI RILEVANTE INTERESSE NAZIONALE


PROGRAMMA DI RICERCA INTERUNIVERSITARIO

Anno 2002 - prot . 2002104353

 

Interculturalità e discorso nell’inglese settoriale

 

Programma Unità di Ricerca di Bergamo 

(Responsabile Scientifico Prof. Maurizio Gotti)

 

Dimensioni linguistiche e interculturali del testo giuridico nei settori professionali: il caso dell’arbitrato internazionale

 

Benché i linguaggi settoriali possano, in prima istanza , apparire i meno suscettibili ad essere influenzati dalle variazioni interculturali, all’interno della comunità professionale di riferimento anche i fattori socioculturali sottesi a un testo hanno un impatto rilevante sulla sua codificazione e interpretazione. Il presente progetto intende dunque studiare, le modalità secondo cui il discorso normativo (leggi e regolamenti) viene utilizzato in diversi contesti culturali, linguistici e giuridici; per illustrare tale fenomeno si prendono in esame alcune norme di legge sull’arbitrato internazionale proposte nella “ Model Law on International Commercial Arbitration ” varata dall’O.N.U. nel 1985 e successivamente recepita a livello legislativo da numerosi stati con diversi profili costituzionali, socioculturali ed economici. In particolare tale documento sarà confrontato con la normativa italiana sull’arbitrato, contenuta nel Codice di Procedura Civile, artt . 806-840, nonché con i regolamenti proposti dalle Camere Arbitrali di Milano, Bergamo e Venezia.

In primo luogo verrà ricostruito il processo redazionale e interpretativo inerente a tali documenti. Successivamente , il corpus bilingue sarà analizzato in chiave contrastiva (inglese/italiano) e multidimensionale (funzioni del discorso, lessico, sintassi, valori semantici e pragmatici). Gli aspetti indagati comprenderanno il grado di qualificazione, le espressioni binominali / multinominali , la specificazione, la distribuzione delle informazioni, l’ inclusività e la trasparenza semantica. Si valuterà anche la macrostruttura dei testi in esame, articolata in sottogeneri ed altri elementi diatipici realizzati nei singoli paragrafi o commi. L’analisi così strutturata intende infatti dimostrare che la rilevanza delle informazioni inserite nel testo è funzionale al quadro giuridico di riferimento e alle prassi che lo distinguono.

Tali questioni verranno successivamente discusse alla luce dei fattori socioculturali presenti nei sistemi di diritto anglosassone da un lato e di tradizione civilistica dall’altro. La comprensione sarà agevolata dal contributo di esperti in campo legale ed accademico, con i quali si prevede di articolare una costante interazione in tutte le fasi del progetto.

Il progetto di ricerca è finalizzato ad approfondire la comprensione del linguaggio giuridico in ambito internazionale, con conclusioni di sicuro interesse per la formazione e l’attività professionale di tipo linguistico in campo legale. Si auspica che l’approccio contrastivo /comparativo ai fenomeni tipologici e testuali considerati produca strumenti utili a traduttori, legislatori, avvocati e studenti di diritto comparato la cui prima lingua è diversa dall’inglese. In questo senso, particolarmente proficua risulterà la collaborazione con l’unità di Verona.